Comunicazione

22 dicembre 2010 | 14:51

MILLEPROROGHE: LUSI (PD), PERCHE’ CANCELLATI CONTROLLI SU INTERNET POINT?

MILLEPROROGHE: LUSI (PD), PERCHE’ CANCELLATI CONTROLLI SU INTERNET POINT?
(ASCA) – Roma, 22 dic – ”Nel testo del decreto ‘milleproroghe’, oggi all’attenzione del Cdm, sembra che il Governo abbia inserito disposizioni che abrogano alcune importanti norme utili a rintracciare e perseguire le attività  criminose attraverso internet. Da una parte verrebbe attenuata la proroga al 31 dicembre 2011 dell’obbligo di comunicare al questore l’apertura dei cosiddetti internet point, ma solo se questi costituiscono l’attività  principale dell’esercizio, dall’altra verrebbero drammaticamente abrogate norme importantissime per il contrasto alla criminalità  quali quelle che sanciscono l’obbligo per il proprietario dell’internet point di acquisire i dati anagrafici di chi utilizza le postazioni all’interno dell’esercizio e quelle che prevedevano l’accesso, a fini preventivi, da parte della polizia postale ai dati e al traffico internet”. Lo afferma il senatore del Pd Luigi Lusi, vicepresidente della Commissione Bilancio del Senato, che aggiunge: ”Il governo cancella norme importantissime per il contrasto non solo e non tanto alla microcriminalità , ma soprattutto a quella organizzata e internazionale che, sempre più, comunica, promuove e organizza la propria attività  utilizzando internet e i più moderni canali di comunicazione”. ”L’augurio -conclude Lusi-  è che il governo e la sua maggioranza rinsaviscano, ristabilendo i controlli necessari a contrastare il pericolo e il diffondersi di attività  criminose che mettono a repentaglio la sicurezza di tutti i cittadini e restituendo alle Forze dell’ordine e alla Magistratura gli strumenti per perseguire i responsabili dei reati commessi via internet. Se la notizia dell’abrogazione di queste importanti norme fosse confermata, presenteremo i necessari e opportuni emendamenti che, sono certo, anche i colleghi della maggioranza vorranno sostenere”.
min/sam/ss