Comunicazione

24 dicembre 2010 | 11:04

Wikileaks/ Assange a Guardian: mio destino nelle mani di Cameron

Wikileaks/ Assange a Guardian: mio destino nelle mani di Cameron
Fondatore Wikileaks teme di essere assassinato in carcere

Londra, 24 dic. (Apcom) – In un’intervista concessa al quotidiano britannico the Guardian, il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, ha detto che il suo destino è nelle mani di David Cameron, il premier britannico. L’australiano, che beneficia di un regime di libertà  vigilata in Gran Bretagna, è in attesa di un verdetto per una sua eventuale estradizione verso la Svezia, dove è accusato di violenze sessuali. Dal canto suo Washington vorrebbe processarlo per spionaggio dopo la diffusione sul sito internet di dispacci diplomatici segreti americani. Nell’intervista Assange sostiene che sarà  “politicamente impossibile” per il premier britannico consegnarlo nelle mani di Washington se lui godrà  del forte sostegno dei cittadini britannici. Il fondatore di Wikileaks ha detto inoltre che vi sono “forti possibilità ” di essere ucciso in una prigione americana se dovesse essere estradato verso gli Stati Uniti con l’accusa di spionaggio.

Fcs

240716 dic 10