Editoria

08 febbraio 2011 | 12:51

EDITORIA: LIBERAZIONE TAGLIA STIPENDI, CDR CHIEDE INTERVENTI

EDITORIA: LIBERAZIONE TAGLIA STIPENDI, CDR CHIEDE INTERVENTI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 8 FEB – Il comitato di redazione e l’assemblea dei giornalisti di Liberazione denunciano che “le retribuzioni del mese di gennaio sono state corrisposte solo nella misura di un acconto del 20 per cento” e chiedono che la Direzione nazionale del partito-proprietario Prc, convocata per il 10 febbraio, prenda decisioni che garantiscano i lavoratori. “La Direzione del Prc è in grado di decidere, e subito – si legge in una nota -. Sappia dunque che le spettanze delle lavoratrici e dei lavoratori non garantite dalla situazione dei bilanci della Mrc sono molteplici e sostanziali. In una situazione che presenta comunque rischi per la continuità  dell’impresa, una proprietà  e un’azienda responsabili dovrebbero sapere che i primi creditori sono i dipendenti: e che le spettanze contrattuali specificamente previste per i casi di cessazione traumatica delle attività  debbono essere le prime garantite. Lo saranno comunque: dal sindacato e dagli enti preposti, in forza della legge”. “Il 10 febbraio è di per sé una data estrema, per assumere decisioni responsabili – si conclude la nota -: perché un tavolo ufficiale è già  convocato solo 4 giorni dopo (in Fieg, ndr), perché questa settimana si conoscerà  con certezza l’esito del Milleproroghe in Senato e cadrà  così ogni alibi, perché infine le lavoratrici e i lavoratori sono già  pagati un quinto del dovuto dal mese di gennaio. Cioé, hanno già  dato. Da adesso comincia per il cdr e l’assemblea delle giornaliste e dei giornalisti di Liberazione il tempo di assicurarsi tutto il dovuto”. (ANSA).
CAS/ S0A QBXB