TV: DIGITALE;AERANTI-CORALLO,RIVEDERE ASSEGNAZIONE FREQUENZE

TV: DIGITALE;AERANTI-CORALLO,RIVEDERE ASSEGNAZIONE FREQUENZE
‘INACCETTABILE DISPARITA’ TRATTAMENTO TRA TV LOCALI E NAZIONALI’
ROMA
(ANSA) – ROMA, 24 FEB – Aeranti-Corallo, associazione di categoria che rappresenta 320 tv locali, chiede “un riesame dell’intera problematica della transizione al digitale che, oltre a penalizzare in modo insostenibile il settore televisivo locale, sta causando un inaccettabile ritardo all’intero processo di digitalizzazione”. “Come noto – afferma in una nota il coordinatore Aeranti-Corallo Marco Rossignoli – la legge di stabilità  2011 ha destinato ai servizi di comunicazione elettronica mobili in larga banda 9 frequenze (canali 61-69 Uhf) originariamente destinate alle tv locali, riducendo, quindi, da 27 a 18 le risorse frequenziali per il comparto locale. L’assegnazione di tali frequenze ai suddetti servizi in larga banda avverrà  sulla base di una gara i cui introiti sono destinati ad acquisire risorse per il bilancio dello Stato”. “E’ tuttavia inaccettabile – prosegue Rossignoli – che mentre è stata prevista tale gara, con introiti per lo Stato, allo stesso tempo è imminente l’avvio del beauty contest per l’assegnazione a titolo gratuito delle 6 frequenze (5 Dvb-t e una Dvb-h) del cosiddetto ‘dividendo interno’, con possibilità  per gli attuali operatori nazionali di partecipare a tale beauty contest. Se tali frequenze non venissero assegnate gratuitamente, lo Stato probabilmente ricaverebbe introiti superiori a quelli realizzabili dalla cessione delle frequenze 61-69 Uhf già  assegnate alle tv locali nelle regioni dove è stato completato il processo di digitalizzazione”. (ANSA).
CAS/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi