Comunicazione, Editoria, New media

28 febbraio 2011 | 12:57

PAPA: MEDIA PROMUOVANO VALORI SPIRITO, NON VIOLENZA E CHIUSURE

PAPA: MEDIA PROMUOVANO VALORI SPIRITO, NON VIOLENZA E CHIUSURE(2)
(AGI) – CdV, 28 feb. – Papa Ratzinger mette in guardia dai rischi che corrono oggi i media: la perdita dell’interiorita’, la superficialita’ nel vivere le relazioni, la fuga nell’emotivita’, il prevalere dell’opinione piu’ convincente rispetto al desiderio di verita’”. “Sono sotto gli occhi di tutti”, osserva definendoli “la conseguenza di un’incapacita’ di vivere con pienezza e in maniera autentica il senso delle innovazioni. Ecco perche’ la riflessione sui linguaggi sviluppati dalle nuove tecnologie e’ urgente”. E dunque con il discorso di oggi esorta i credenti a impegnarsi nel mondo dei media, “aprendo orizzonti di senso e di valore che la cultura digitale non e’ capace da sola di intravedere e rappresentare”.
“La cultura digitale – rileva il Pontefice nel suo discorso – pone nuove sfide alla nostra capacita’ di parlare e di ascoltare un linguaggio simbolico che parli della trascendenza. Gesu’ stesso nell’annuncio del Regno ha saputo utilizzare elementi della cultura e dell’ambiente del suo tempo: il gregge, i campi, il banchetto, i semi e cosi’ via”. Oggi, sottolinea, “siamo chiamati a scoprire, anche nella cultura digitale, simboli e metafore significative per le persone, che possano essere di aiuto nel parlare del Regno di Dio all’uomo contemporaneo”.
Parlando ai membri del dicastero vaticano competente sui media, Benedetto XVI si sofferma poi sul fatto che “la comunicazione ai tempi dei nuovi media comporta una relazione sempre piu’ stretta e ordinaria tra l’uomo e le macchine, dai computer ai telefoni cellulari, per citare solo i piu’ comuni”. “Gia’ Paolo VI – conclude – indicava una pista di riflessione” in merito, domandandosi se nella civilta’ delle macchine lo spirito non sia diventato “prigioniero della materia”. (AGI) Siz