Televisione

28 febbraio 2011 | 14:58

TG REGIONALE PER I NON UDENTI IN CALABRIA, ANCHE SUL SATELLITE

TG REGIONALE PER I NON UDENTI IN CALABRIA, ANCHE SUL SATELLITE
(AGI) – Catanzaro, 28 feb. – Un telegiornale regionale per i non udenti, promosso dal consiglio regionale dell’Ente nazionale sordi e dalla Regione Calabria. Il progetto e’ stato illustrato questa mattina dall’assessore calabrese alle Politiche sociali, Francescantonio Stillitani, e dal presidente dell’Ens, Antonio Mirijello, nel corso di una conferenza stampa che si e’ svolta a Catanzaro nella sede dell’assessorato. Il telegiornale con il linguaggio dei segni andra’ in onda sull’emittente 8 Video Calabria e sull’emittente satellitare Rete Kalabria con il canale 904 di Sky. Un’iniziativa programmata per nove mesi, a partire da domani, con la programmazione di 190 edizioni, con nove rubriche che cureranno anche gli aspetti interni all’Ens. L’assessore Stillitani ha parlato di “una promessa mantenuta”. Secondo il componente della Giunta calabrese “non e’ mai stato fatto un Tg quotidiano rivolto ai non udenti e con notizie regionali, dal momento che quelli esistenti riguardano reti nazionali. Questo e’ un progetto in embrione di un’idea piu’ generale – ha aggiunto – per ampliare questa comunicazione non limitandoci ai sordi ma aprendo a tutto il mondo degli invalidi”. In questa direzione di apertura delle politiche sociali, Stillitani ha ricordato la definizione della legge per i non autosufficienti che dovrebbe essere approvata nelle prossime sedute del Consiglio regionale. Un plauso per l’attenzione dimostrata dalla Regione, e’ stato rivolto dal presidente dell’ Ens, il quale ha ribadito che l’obiettivo “e’ quello di permettere un migliore accesso all’informazione anche alla persona sorda, con due interpreti selezionati attraverso un bando. Non abbiamo accesso all’informazione quotidiana – ha concluso Mirijello – e questo ci penalizza tantissimo, mentre ora potremo avere un’edizione alle ore 19 su Video Calabria e la replica alle 19,30 su Rk, che potra’ raggiungere anche coloro che non vivono in Calabria”. (AGI) Cz1/Ros