CASO RUBY: IN REGIONE LOMBARDIA ARRIVA REGOLAMENTO PER CRONISTI

CASO RUBY: IN REGIONE LOMBARDIA ARRIVA REGOLAMENTO PER CRONISTI
(ASCA) – Milano, 1 mar – Basta con gli ‘assalti’ di giornalisti e telecamere a Nicole Minetti, la consigliere regionale della Lombardia iscritta nel registro degli indagati dai magistrati che indagano sul cosiddetto ‘caso Ruby’ con le accuse di favoreggiamento e induzione alla prostituzione e alla prostituzione minorile. E cosi’ al consiglio regionale della Lombardia arriva il regolamento per i giornalisti: una serie di paletti per sollecitare i professionisti dell’informazione a non ‘infastidire’ piu’ i consiglieri. Una mossa necessaria per ‘tutelare’ il consigliere Minetti, costretta dopo l’avvio del caso Ruby a farsi accompagnare al Pirellone da due body-guard espressamente incaricati di tenere lontani giornalisti, fotografi e cameramen. Il regolamento e’ datato 2007 ma e’ stato distribuito ai cronisti accreditati al consiglio regionale della Lombardia solo oggi, giorno in cui la Minetti non si e’ presentata in consiglio per motivi personali. Emblematico l’art. 8, dove ai punti 5 e 6 sollecitano i giornalisti e gli operatori radio-televisivi a seguire i lavori ”in appositi spazi riservati” evitando cosi’ di prendere d’assalto i consiglieri. Stretta anche sulle interviste, che ”devono essere effettuate nella sala stampa o nella sala interviste appositamente attrezzate”.
fcz/sam/lv

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari