TABLET: STAMPA, ANTI-IPAD DI MICROSOFT NON PRIMA DEL 2012

TABLET: STAMPA, ANTI-IPAD DI MICROSOFT NON PRIMA DEL 2012
ROMA
(ANSA) – ROMA, 4 MAR – Microsoft non rilascerà  un sistema operativo ottimizzato per i tablet, e quindi un competitivo anti-iPad, prima dell’inizio della stagione scolastica del 2012. Lo scrive oggi Bloomberg, che cita fonti anonime a conoscenza dei piani del colosso di Redmond. Secondo queste ultime indiscrezioni Microsoft avvierà  i primi test pubblici con partner e clienti della nuova versione del suo sistema operativo (presumibilmente Windows 8) solo alla fine di quest’anno. Il gigante del software starebbe lavorando a un aggiornamento di Windows 7 per renderlo più adatto ad alcuni ‘must’ delle ‘tavolette’ digitali, come lo schermo tattile o una maggiore durata di batteria. Un debutto di Microsoft nel 2012 nel mercato dei gadget del momento potrebbe però essere tardivo secondo l’opinione di alcuni analisti. “Per allora – spiega Michael Gartenberg di Gartner – l’azienda dovrà  competere con una terza generazione di iPad e verosimilmente anche con una seconda o terza ondata di dispositivi basati sul sistema Android di Google. Entro un anno e mezzo anche Hewlett-Packard e Research In Motion avranno probabilmente lanciato una seconda versione dei loro tablet”. Ravvivato dal successo di iPad un anno fa – che dovrebbe essere superato dall’iPad 2, in vendita nei prossimi giorni -, il mercato dei tablet è in pieno boom. Secondo le ultime stime di In-Stat quest’anno saranno lanciati oltre 100 modelli ed entro il 2015 ne saranno venduti circa 118 milioni. Fra gli ultimi arrivati lo Xoom di Motorola, il TouchPad di HP, il PlayBook di Rim e anche OliPad prodotto da Olivetti del gruppo Telecom Italia. (ANSA).
Y14-VC/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti