Tecnologie/ Microsoft, 1 mld dollari per accesso a brevetti Nokia

Roma, 9 mar. (TMNews) – Microsoft pagherà  a Nokia più di un miliardo di dollari nell’ambito dell’accordo destinato a portare il software mobile del gruppo di Redmond sui dispositivi del colosso finlandese. Secondo fonti citate da Bloomberg, nei prossimi cinque anni Nokia verserà  a Microsoft una percentuale per ogni copia di Windows usata nei suoi telefonini, un costo che sarà  compensati dal taglio del budget destinato alla ricerca e allo sviluppo dei software. “L’intesa – ha sottolineato Colin Gillis, analista Bgc Partners – oltre a dare a Microsoft l’accesso a importanti brevetti, permette a Nokia di tagliare i costi”. Il gruppo finlandese deve evitare un ulteriore restringimento dei margini operativi, che lo scorso anno si sono ridotti al 4,9 per cento dal 19 di 10 anni prima.

Gli azionisti Microsoft, dal canto loro, insistono perché il gruppo rilanci le attività  nel segmento dei software destinati alla telefonia mobile, tenendo a freno i costi. Secondo Bloomberg, il versamento da un miliardo di euro a Nokia rientra nella campagna di persuasione lanciata da Microsoft per evitare che Nokia scegliesse il software Android, sviluppato con notevole successo da Google. Nokia, in effetti, ha optato per Windows Phone anche se il software è presente su un numero relativamente limitato di smartphone. L’accordo fra le due aziende includerebbe la possibilità  di utilizzare brevetti e prodotti Nokia quali Navteq, che potrà  essere usato per offrire nuovi servizi basati sulla geolocalizzazione e sull’offerta di pubblicità  e buoni sconto in base alla posizione dell’utente.

Fus

091500 mar 11

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci