Editoria

10 marzo 2011 | 10:48

Rcs: Ben Ammar, Della Valle? Vedo conflitto interesse

10 Mar 2011 08:49 CEST Rcs: Ben Ammar, Della Valle? Vedo conflitto interesse (CorSera)

Dowjones

ROMA (MF-DJ)–”Lui e’ azionista di Rcs, ma non di Generali Ass.. Come amministratore di Generali ha diritto di parlare, ma in consiglio. E come socio di Rcs puo’ parlare, ma non alimentare il sospetto di farlo per il proprio interesse. Anche se ammetto che la societa’ convive con un peccato originale: l’avere un patto di sindacato che vincola quasi il 70% delle azioni di una compagine con troppi soci”. Cosi’, in un’intervista al Corriere della Sera, il finanziere franco-tunisino Tarak Ben Ammar, in merito alla posizione di Diego Della Valle sulla presenza di Generali in Rcs. Perche’ Della Valle “dice di credere nel futuro di Rcs e di essere pronto a investirci piu’ soldi e poi chiede a Generali, che di Rcs e’ azionista, di vendere la sua quota? Mi sembra un controsenso”, ha proseguito Ben Ammar sottolineando – in merito al “rapporto dialettico” tra il patron di Tod’s e il presidente del Leone – “in Generali il potere operativo lo ha Giovanni Perissinotto e non Geronzi. Leggo sui vostri giornali che alcuni amministratori si stanno interrogando sulla congruita’ di certe operazioni fatte in Russia e con il finanziere Kellner. Se fossi Della Valle – ha messo in evidenza – mi preoccuperei piu’ di quelle che di Rcs”. Inoltre, “la partecipazione della compagnia in Rcs risale a molto tempo prima che Geronzi ne diventasse presidente. Sul tema poi penso che Diego potrebbe essere sospettato di un piccolo conflitto di interesse”.

A proposito dell’intervista di Geronzi al Financial Times, “non l’avrei fatta cosi’. Ma conoscendo bene Geronzi – ha precisato – so che voleva dire che una societa’ italiana cosi’ importante per il bene del paese non puo’ ignorare il sistema economico dove opera”. “Gli azionisti – ha proseguito Ben Ammar – non si sono irritati per l’intervista al Financial Times, quanto perche’ sanno che in un sistema di investimenti che non si tiene sono scarse le possibilita’ di migliorare i risultati”.

Alla domanda se il suo amico Vincent Bollore’ e’ contento di come sta andando la compagnia, di cui e’ vice presidente, “avendo investito molto in Mediobanca – ha concluso il finanziere – e’ chiaro che per Bollore’ Generali e’ sempre stata importante. à” contento della presidenza di Geronzi, della qualita’ del consiglio, un’opinione che del resto lo stesso Della Valle ha fatto sua”. red/vs

(END) Dow Jones Newswires

March 10, 2011 02:49 ET (07:49 GMT)

Copyright (c) 2011 MF-Dow Jones News Srl.