RIVOLTE:CELLULARI E WEB AIUTANO DEMOCRAZIA PIU’ DI TV,STUDIO

RIVOLTE:CELLULARI E WEB AIUTANO DEMOCRAZIA PIU’ DI TV,STUDIO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 10 MAR – Sono i telefonini e Internet i media che più contribuiscono alla difesa della democrazia nel mondo, anche nei Paesi governati da regimi dittatoriali. E’ la conclusione di uno studio pubblicato sull’International Journal of Human Rights e coordinato da Indra De Soysa della Norwegian University of Science and Technology di Trondheim, in Norvegia. Il team di ricercatori ha esaminato il legame fra diversi tipi di strumenti di comunicazione – dalla telefonia alla televisione, a Internet – e il rispetto dei diritti umani in 137 Paesi di tutto il mondo, evidenziando che la presenza di connessioni a internet e la diffusione dei cellulari costituiscono in questo senso una garanzia in più. Al contrario di strumenti come la tv o il telefono fisso. “Sembra proprio che i nuovi media rispetto ai ‘vecchi’ giovino di più alla democrazia – spiega il professor De Soysa -. Ad esempio la televisione è particolarmente negativa per i diritti umani perché è il mezzo preferito dai governi per fare propaganda alla popolazione. Internet e i cellulari, invece, hanno l’effetto opposto” e ancor di più i media sociali che “danno alle persone accesso libero ai canali di comunicazione senza che le autorità  possano monitorare cosa le persone leggono su internet”. Non si può ad esempio, salvo oscuramenti di rete, bloccare “l’invio ai media tradizionali, come Bbc o Cnn, di foto e microfilmati girati coi telefonini”, magari sfruttando canali come Facebook o Twitter. (ANSA).
Y14-VC/ S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci