GIORNALISTI: PREMIOLINO A FABIO FAZIO PER ‘VIENI VIA CON ME’

GIORNALISTI: PREMIOLINO A FABIO FAZIO PER ‘VIENI VIA CON ME’
PREMIATI L’INTERNAZIONALE, D’ERAMO,LAMBRUSCHI,MUCCHETTI,TOBAGI
MILANO
(ANSA) – MILANO, 10 MAR – E’ stato assegnato Fabio Fazio, per Vieni via con me, programma andato in onda su Rai 3 il premio giornalistico Il Premiolino-Il gusto della Sincerità  (settore televisione) promosso per il quinto anno da Birra Moretti. Per la categoria settimanali il premio è stato assegnato a l’Internazionale, diretto da Giovanni De Mauro, il magazine che pubblica in italiano i migliori articoli comparsi sulla stampa straniera. Per la categoria quotidiani premiati per Marco d’ Eramo (Il Manifesto), Paolo Lambruschi (Avvenire), Massimo Mucchetti ( Corriere della Sera) e Benedetta Tobagi (La Repubblica). La Giuria ha inoltre deciso di conferire il Premio Birra Moretti dedicato alla cultura alimentare made in Italy a Roberto Perrone, che sulle pagine del Corriere della Sera firma ogni settimana la rubrica gourmet Scorribande. Le motivazioni dei premi saranno rese note nel corso della cerimonia di premiazione, in programma il prossimo 23 marzo a Palazzo Marino. La Giuria de Il Premiolino è composta da Gaetano Tumiati, presidente onorario, Giancarlo Galli, presidente, Chiara Beria di Argentine, vicepresidente, Enrico Gramigna, segretario e da Bruno Ambrosi, Giulio Anselmi, Natalia Aspesi, Pier Boselli, Francesco Conforti, Ferruccio de Bortoli, Milena Gabanelli, Elio Maraone, Enrico Mentana, Morando Morandini, Alfredo Pratolongo (rappresentante di Birra Moretti), Donata Righetti, Valeria Sacchi e Gian Antonio Stella. (ANSA).
AA/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari