EDITORIA: CON CORSERA LA STORIA D’ITALIA DI MONTANELLI

EDITORIA: CON CORSERA LA STORIA D’ITALIA DI MONTANELLI
DAL 17 MARZO, IN COINCIDENZA CON 150/O UNITA’ ITALIA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 15 MAR – Dal 17 marzo, in coincidenza con le celebrazioni per i 150 anni dell’Unità  d’Italia, è in edicola con il Corriere della Sera la ‘Storia d’Italia di Montanellì, 22 volumi per festeggiare un secolo e mezzo di vita dello Stato unitario. Il primo libro sul Risorgimento è al prezzo speciale di 1 euro, in regalo anche una coccarda tricolore. “Torna per festeggiare questo importante anniversario – spiega un comunicato di Rcs Quotidiani – la collana che ha divulgato la storia del nostro Paese con una diffusione senza precedenti e che ha raccolto le recensioni positive di Paolo Alatri, Gioacchino Volpe, Arturo Carlo Jemolo, Alessandro Galante Garrone, Leo Valiani e Umberto Eco che ne lodava la capacità  ‘di dare volti ai personaggi e immediatezza ai fatti’. L’affascinante capacità  affabulatoria di Montanelli percorre in un avvincente flusso la storia italiana con una ricostruzione puntuale e organica, dal Medioevo all’Italia dell’Ulivo: una impressionante panoramica che darà  una profonda conoscenza della storia italiana a tutti i lettori conservando la vividezza degli avvenimenti”. Ad affiancare Montanelli nell’impresa di ricostruzione storiografica e nella scrittura ci furono i due colleghi giornalisti Roberto Gervaso e Mario Cervi. Il Secondo volume, ‘L’Italia dei secoli buì che copre il periodo medievale antecedente all’anno Mille, uscirà  mercoledì 23 marzo. Questo libro sarà  in vendita al prezzo di 7,90 euro, oltre al prezzo del quotidiano, così come tutti i successivi volumi. (ANSA).
COM-SAM/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari