Scelte del mese

21 marzo 2011 | 11:12

Hazan rilancia su Audiradio: Virgin supera i due milioni di ascoltatori

Alberto Hazan, presidente del gruppo Finelco, tra i protagonisti del settore radiofonico nazionale con i network Radio 105, Radio Monte Carlo e Virgin Radio, non si tira indietro di fronte alle polemiche innescate dal blocco della pubblicazione dei dati nazionali. Stallo determinato dallo scontro interno al consiglio di amministrazione di Audiradio sulla validità  dell’indagine Panel Diari, parallela a quella tradizionale (Cati) realizzata con interviste telefoniche. “Alcuni membri del Cda hanno bloccato la pubblicazione della Cati e guarda caso sono quelli che hanno beneficiato di grandi incrementi nei Panel Diari, da tutti ritenuti errati e non pubblicabili. Non vogliono la pubblicazione della ricerca Cati perché la conoscono ed è svantaggiosa per loro oppure perché sanno che in passato non li ha mai particolarmente premiati”, dice Hazan. “In ogni caso, mentre si cerca una soluzione, diventa urgente proporre al mondo pubblicitario un dato da pianificare per il 2011. Continuare ad avere indagini vecchie di due anni è una cosa mai vista nel mercato europeo”.
In attesa che si sblocchi la situazione molti network stanno lavorando sulle pianificazioni pubblicitarie affidandosi alle ricerche di Gfk Eurisko. Voi che strumenti utilizzate? “Con la nostra Ncp Ricerche (servizio di marketing e analisi interno al gruppo Finelco: ndr) monitoriamo in continuazione il mercato per capire come si muove la realtà  radiofonica. Siamo molto soddisfatti perché Radio 105, Radio Monte Carlo e Virgin Radio sono cresciute moltissimo. In particolare quest’ultima ha superato i due milioni di ascoltatori”, dice il presidente del gruppo Finelco. Una bella crescita rispetto al milione 786mila ascoltatori che registrava una delle ultime pubblicazioni Audiradio. Anche R101, poche settimane fa, ha dichiarato di avere 3 milioni di ascoltatori secondo Eurisko. “È una battuta simpatica detta in compagnia e durante una festa e quindi prendiamola per quella che 蔝.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 415 – marzo 2011