Nielsen: in primo mese 2011 frena mercato pubblicitario

22 Mar 2011 15:29 CEST Nielsen: in primo mese 2011 frena mercato pubblicitario

Dowjones

ROMA (MF-DJ)–Nel primo mese del 2011 frena il mercato pubblicitario, nonostante la chiusura positiva dell’ultimo trimestre 2010. E’ quanto si legge da un comunicato dell’azienda Nielsen Company, secondo cui a gennaio i quotidiani hanno perso il 4,2% rispetto al 2010, i periodici hanno registrato il -5,4%, mentre la free press (-59,1%) paga ancora per le difficolta’ di una delle testate principali. Per quanto riguarda gli altri mezzi si registrano variazioni negative per tutti ad eccezione delle cards (+3,4%).

In particolare, analizzando i media, la televisione a gennaio ha fatto registrare una crescita del +1,6% dovuta anche al dato brillante delle emittenti trasmesse esclusivamente in digitale terrestre. Internet (+13,9%) mantiene lo stesso ritmo di crescita che aveva caratterizzato lo scorso anno, cosi’ come il direct mail (+11,6%), mentre la radio (+0,3%) uno dei mezzi piu’ in salute negli ultimi anni, apre il 2011 in sostanziale pareggio rispetto al 2010.

Alimentari e automobili, che erano stati i settori principali nel 2010, si confermano in testa anche nel primo mese del 2011 e sono anche gli unici due, tra quelli piu’ importanti, nei quali le aziende hanno aumentato l’advertising rispetto al gennaio 2010 (rispettivamente +1,5% e +8,9%). Forte aumento dell’advertising per le aziende del settore bevande/alcolici (+61,2%) mentre aprono l’anno in calo telecomunicazioni (-7,4%) e finanza/assicurazioni (-19,4%). com/dar

(END) Dow Jones Newswires

March 22, 2011 10:29 ET (14:29 GMT)

Copyright (c) 2011 MF-Dow Jones News Srl.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro