Editoria

25 marzo 2011 | 12:44

Mediatrade/ Piccolo azionista si costituisce contro Berlusconi

Mediatrade/ Piccolo azionista si costituisce contro Berlusconi

Milano, 25 mar. (TMNews) – Lunedì prossimo alla ripresa dell’udienza preliminare per il caso Mediatrade dove tra gli imputati c’è Silvio Berlusconi un piccolo azionista, titolare di una sola azione Mediaset, chiederà  probabilmente di costituirsi parte civile contro il presidente del Consiglio in relazione all’appropriazione indebita reato di cui il premier risponde insieme alla frode fiscale.
Stando a quanto si apprende, lunedì il gup Maria Vicidomini ammetterà  eccezioni preliminari esclusivamente in relazione alla costituzione delle parti. Dopodichè l’udienza sarà  dedicata a fare il calendario delle tappe successive, operazione non facile, considerando la disponibilità  del premier solo per il lunedì e il fatto che quel giorno da qui alla pausa estiva è stato quasi interamente “monopolizzato” dai giudici del processo Mills perchè a rischio prescrizione.
Le ulteriori eccezioni preliminari le difese potranno farle solo nell’udienza successiva, quando però il gup darà  la parola per la discussione finale prima al pm Fabio De Pasquale che insisterà  sulla richiesta di rinvio a giudizio per Berlusconi e altri 11 imputati (tra cui il figlio Piersilvio e il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri) e appunto agli avvocati.
Tra le eccezioni proposte dalla difesa ci sarà  la richiesta dell’avvocato Roberto Pisano, legale di Frank Agrama e di due cittadine di Hong Kong, per ottenere la traduzione di tutti gli atti in inglese e in cinese.

Frk

251241 mar 11