Televisione

06 aprile 2011 | 15:18

RAI: STORACE, VIGILANZA SI VERGOGNI, NON RISPETTA PLURALISMO

RAI: STORACE, VIGILANZA SI VERGOGNI, NON RISPETTA PLURALISMO
REGOLAMENTO AMMINISTRATIVE DA’ SPAZIO SOLO A POCHI ELETTI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 6 APR – “Complimenti presidente Zavoli. Se glieli ha fatti ieri sera Floris a Ballarò, glieli posso fare anch’io, magari di diversa natura. Lui l’ha ringraziata, io e La Destra non ne abbiamo proprio alcun motivo. Né lei, né i partiti che stanno nella commissione. Pd, Pdl e compagnia cantando. Tutti uniti nel farvi gli affari vostri e chi se ne frega del pluralismo”. Lo scrive nel suo blog Francesco Storace, Segretario Nazionale de La Destra, commentando il regolamento per le amministrative di maggio approvato ieri in Vigilanza Rai. “Oltre alle trasmissioni su scala regionale (ci mancherebbe altro) i signori dell’informazione controllata (che stanno di qua e di là ) – spiega Storace – hanno stabilito che ove mai la Rai decidesse di parlare delle amministrative nei programmi di comunicazione politica nazionale, pochi saranno gli eletti”. “Fino alla presentazione delle liste, se si parla di Latina (difficile) La Destra potrà  partecipare perché è presente nel Consiglio Regionale del Lazio – prosegue Storace -. Ma se si parla di Torino o Milano no. Chi potrà ? Ad esempio chi ha gruppi parlamentari. Dunque, anche chi non ha preso voti nemmeno per il Parlamento. I gruppi artificiali, Futuro e Libertà  dall’opposizione, I Responsabili dalla maggioranza, hanno più titolo di chi alle elezioni si è cimentato ed è stato bloccato solo dalla soglia di sbarramento, raccogliendo comunque un milione di voti. Loro, che hanno radunato deputati eletti altrove, possono. Chi non rappresenta nessuno, può. Chi rappresenta il popolo, non può. Prova un po’ di vergogna, presidente Zavoli? Questo è il suo pluralismo?”. “Una cosa ve la voglio dire – conclude Storace -, signori del Parlamento e della commissione di Vigilanza: fate schifo!”. (ANSA).
CAS/ S0A QBXB