Editoria, New media, TLC

08 aprile 2011 | 16:17

Nokia/ Superata in Borsa da Htc, gigante smartphone di Taiwan

Nokia/ Superata in Borsa da Htc, gigante smartphone di Taiwan
Ft: prosegue dibattito su alleanza strategica Nokia con Microsoft

Roma, 8 apr. (TMNews) – Nokia è stata ‘scavalcata’ in Borsa da Htc, il gruppo di Taiwan specializzato sugli smartphone. Il gigante finlandese resta primo produttore mondiale di cellulari e il sorpasso riguarda la capitalizzazione in Borsa, ma la vicenda ha una rilevanza simbolica dato che cade in una fase in cui il futuro di Nokia e la sua strategia di recupero sul cruciale settore degli smartphone, tramite una alleanza vincolante con Microsoft, resta circondata da incognite e oggetto di valutazioni divergenti. Il tutto oggi è finito in apertura dell’inserto sulle società  del Financial Times.

Lo scatto è avvenuto nella seduta di mercoledì, quando le azioni di Htc hanno guadagnato un 5,3 per cento, facendo salire il valore complessivo della società  a 33,8 miliardi di dollari, le azioni Nokia invece con un più 1 per cento hanno visto la capitalizzazione totale fermarsi a 33,4 miliardi. Questo sorpasso giunge dopo mesi di dinamiche divergenti tra le due società . Htc, assieme ad Apple, è l’unico produttore di smartphone che ha visto le quotazioni salire dall’inizio dell’anno, di circa un terzo, laddove quelle di Nokia sono calate di circa un quinto nello stesso periodo, rileva l’Ft.

A differenza di Apple e Samsung, che operano su vari segmenti, Htc è specificatamente specializzato sugli smartphone, e partito in sordina nel 1997 dopo un decennio in cui è rimasto quasi sconosciuto al grande pubblico, è salito alla ribalta con l’esplosione degli smartphone touch screen.

In un altro articolo il quotidiano guarda più nel dettaglio le prospettive di Nokia, riferendo delle valutazioni divergenti da parte degli analisti. “A due mesi dell’annuncio dell’alleanza con Microsoft infuria ancora il dibattito”. Il gigante dei cellulari ha infatti deciso di abbandonare progressivamente il suo sistema operativo Symbian per passare a Windows Phone, ma a condizioni che secondo alcuni osservatori erano molto più convenienti per il gruppo di software che per Nokia. Le azioni sono calate e a questo punto altre voci hanno iniziato a ipotizzare che si sia esagerato con i ribassi sul titolo. Tra questi Goldman Sachs, che anzi raccomanda “buy” sulle azioni Nokia rilevando che la strategia intrapresa potrebbe consentire al produttore scandinavo di mettere a segno uno svolta.

Secondo alcuni analisti, infine, una questione cruciale sarà  vedere se Nokia riuscirà  a sfornare smartphone con il sistema operativo di Microsoft abbastanza rapidamente da contrastare l’avanzata di quelli che usano Android di Google. La società  di ricerche Gartner ha appena pubblicato uno studio secondo cui nel 2011 i cellulari multifunzione equipaggiati con Android saliranno al 38,5 per cento del totale, dal 22,7 per cento attuale, mentre quelli con Symbian caleranno dal 37,6 per cento al 19,2 per cento.

Voz

081713 apr 11