PREMI: ILARIA D’AMICO GIORNALISTA DELL’ANNO 2011

PREMI: ILARIA D’AMICO GIORNALISTA DELL’ANNO 2011
VINCE IL GERALDINI; A LUDINA BARZINI RICONOSCIMENTO CARRIERA
BOLOGNA
(ANSA) – BOLOGNA, 11 APR – Ilaria D’Amico, conduttrice di La7 e di Sky Sport, ha vinto il premio ‘Ornella Geraldini – Donne per il giornalismo’ del 2011, promosso dall’associazione bolognese Inedita per la Cultura. A Ludina Barzini, invece, è stato assegnato il premio alla carriera. Il premio alla D’Amico, si legge nella nota dell’associazione, “sottolinea il successo inarrestabile che costella la sua giovane carriera che ha portato al più alto share di ascolti la trasmissione di approfondimento e denuncia sociale, Exit, da lei condotta con stile personale inconfondibile e di gran carattere: scarsa smania di protagonismo, toni misurati ma volitivi, a volte persino caparbi, colorano l’economia della trasmissione. Ilaria non si accontenta. Esplora per scovare la notizia sotto traccia. Look minimale e classico, nonostante una fisicità  da passerella, concede qualcosa alla sensualità  puntando sul tacco 10”. La Barzini, invece, che rappresenta la terza generazione di una grande famiglia di giornalisti, è stata premiata perché “per dodici anni è stata la responsabile della sede romana Rcs Editori-Corriere della Sera. Ha condotto programmi radiofonici e televisivi di grande rigore e qualità . Firma di punta del Corriere della Sera e della Stampa con reportages politici, interviste ai grandi della terra, a re e regine, capi di governo, pontefici, miti della cultura e del cinema, Ludina onora il nome che porta come professionista e come persona. Una donna controcorrente”. (ANSA).
NES/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi