Comunicazione

12 aprile 2011 | 15:13

TV: AGCOM, VIDEOMESSAGGI SOLO IN CASI ECCEZIONALI

TV: AGCOM, VIDEOMESSAGGI SOLO IN CASI ECCEZIONALI
E CON MODALITA’ TALI DA NON INCIDERE SUL PLURALISMO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 12 APR – Gli operatori dell’informazione radio-tv possono diffondere nei tg e nei programmi di approfondimento videomessaggi di soggetti politici e istituzionali “solo in casi eccezionali di rilevante interesse pubblico e nel rispetto di modalità  tali da non incidere sul pluralismo dell’informazione”. Lo chiarisce l’Autorità  per le garanzie nelle comunicazioni in una nota pubblicata oggi sul sito. L’uso dei videomessaggi come “forma abituale di comunicazione”, infatti, secondo l’Agcom, comporterebbe il “rischio di incidere sui canoni di parità  di trattamento tra tutti i soggetti politici ed istituzionali su cui si fonda il principio del pluralismo politico in televisione”. Dopo aver elencato i ‘requisiti minimi’ per la diffusione dei videomessaggi, l’Agcom annuncia che “vigilerà ” affinché vengano “rigorosamente rispettate”. Altrimenti, “in caso di accertate violazioni, saranno assunti i conseguenti provvedimenti previsti dalla legge”. (segue).
MAJ/ S0A QBXB
V: AGCOM, VIDEOMESSAGGI SOLO IN CASI ECCEZIONALI (2)
ROMA
(ANSA) – ROMA, 12 APR – Nella sua nota interpretativa, l’Autorità  elenca “le condizioni e modalità  minime che devono essere osservate nella diffusione di videomessaggi di soggetti politici e istituzionali nei programmi di informazione, al fine del rispetto dei principi vigenti in materia di informazione radiotelevisiva”. Questi i ‘paletti’: “a) I videomessaggi possono essere trasmessi nel corso dei telegiornali solo in via eccezionale e laddove strettamente connessi con l’attualità  della cronaca, rispondendo a primarie esigenze informative di rilevante interesse pubblico. b) I videomessaggi – qualora rivestano una durata particolarmente lunga, comunque superiore a tre minuti – non possono essere trasmessi nella loro integralità  nel corso del telegiornale e non possono essere trasmessi in tutte le edizioni giornaliere del medesimo telegiornale. c) I videomessaggi non possono essere riproposti nei telegiornali dopo 48 ore dal verificarsi dell’evento. d) Di norma, la diffusione del videomessaggio nel telegiornale deve essere accompagnata da commenti di altri soggetti onde assicurare un confronto dialettico al fine della libera e consapevole formazione delle opinioni degli ascoltatori. e) Allo stesso fine di cui alla lettera d), la diffusione di videomessaggi nei programmi di approfondimento informativo deve sempre avvenire nell’ambito di un confronto dialettico. f) Nel corso della campagne elettorali non possono essere trasmessi videomessaggi al’interno dei telegiornali e dei programmi di informazione , al fine di evitare confusione ontologica con i messaggi politici autogestiti così come disciplinati dalla legge n. 28 del 2000 (la par condicio, ndr) e dai relativi regolamenti attuativi”. (ANSA).
MAJ/ S0A QBXB