TLC:BERTOLUZZO (VODAFONE),FREQUENZE VALGONO MENO SE OCCUPATE

TLC:BERTOLUZZO (VODAFONE),FREQUENZE VALGONO MENO SE OCCUPATE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 12 APR – Le frequenze derivanti dal passaggio al digitale terrestre, che lo Stato si appresta a mettere all’asta tra gli operatori di tlc con un introito previsto nella legge di Stabilità  in 2,4 miliardi di euro, “hanno un prezzo inferiore se non sono libere”. Lo ha puntualizzato l’ad di Vodafone Italia, Paolo Bertoluzzo, nel corso di un’audizione alla Commissione Lavori Pubblici del Senato. Le frequenze devono infatti essere ancora liberate dalle tv locali. Alla domanda su quanto possa valere l’asta, Bertoluzzo ha risposto: “Non lo sappiamo ancora, stiamo facendo le nostre valutazioni”. Certamente, ha proseguito, “la situazione è radicalmente diversa rispetto a quella che condusse all’asta Umts, quindi occorre stare attenti alle valutazioni”. Oltre tutto, “se le frequenze sono disponibili posso prevedere la partenza del servizio a una certa data, sennò metto un fattore di rischio sulla frequenza e quindi il prezzo scende”. Insomma, ha concluso, “siamo assolutamente interessati alle frequenze, ma se ci saranno le condizioni per arrivare alla base d’asta lo dobbiamo ancora capire, dipenderà  dalla disponiblità  delle frequenze”. (ANSA).
FP/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci