Tv/ Attori di “Happy Days” fanno causa alla CBS per 40 mln usd

Tv/ Attori di “Happy Days” fanno causa alla CBS per 40 mln usd

Sono il ricavato della vendita dei gadget

Milano, 20 apr. (TMNews) – Sono passati più di 26 anni dalla messa in onda dell’ultima puntata di “Happy Days”, ma il suo mito è ancora vivo, nella memoria e nei guadagni che continuano ad arrivare alla CBS, rete televisiva americana. Cinque attori della serie tv cult hanno così fatto causa alla CBS, a riferirlo la Corte superiore di Los Angeles. Secondo gli attori che interpretavano Potsie (Anson Williams), Ralph (Don Most), Marion Cunningham (Marion Ross), Joanie (Erin Moran) e gli eredi di Tom Bosley, Howard Cunningham, il canale deve loro 40 milioni di dollari sui ricavi dei gadget derivati dal celebre programma. I personaggi di “Happy Days” generano, infatti, ancora incassi dalla vendita di abiti, dvd, cartoon, fumetti, poster e biglietti d’auguri tratti dalla serie, questi ricavi pero’ non sono mai arrivati agli interpreti. Si legge nella denuncia: “I personaggi della serie sono diventati icone della cultura americana. In tutta l’America le famiglie si riunivano davanti alla tv rapiti dalle avventure della famiglia e dei loro amici. La serie ha avuto un effetto di lungo corso sugli americani e fa ancora parte della cultura popolare”. La CBS ha cercato inutilmente un accordo con gli attori.

Spt

201424 apr 11

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi