TV:LAURITO, EDUARDO NON APPROVEREBBE TRADUZIONE SUE COMMEDIE

TV:LAURITO, EDUARDO NON APPROVEREBBE TRADUZIONE SUE COMMEDIE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 26 APR – “Se devo dire il vero, non so se Eduardo avrebbe approvato quest’operazione. Io, almeno, non la condivido”. Così Marisa Laurito, oggi a margine della presentazione del suo ‘Show! Tutti insieme abbondantemente’ (dal 3 maggio al Sistina), commenta il ciclo di quattro film tv che Massimo Ranieri ha realizzato per la Rai da altrettante commedie di Eduardo De Filippo. Una versione che ha “tradotto” il testo originale dal napoletano all’italiano, tanto da affidarne le parti da protagoniste anche ad attrici non di origine partenopea: Mariangela Melato è stata a dicembre la ‘Filumena Marturano’ e il 4 maggio, sempre su Raiuno, Barbara De Rossi reciterà  ‘Napoli Milionaria’, in attesa di ‘Questi fantasmi’ e ‘Sabato Domenica e lunedi’. Napoletana doc, proprio a Eduardo la Laurito deve il suo esordio teatrale, ormai quasi quarant’anni fa, tanto da aver inserito il celebre ‘monologo alla Madonna delle Rose’ di Filumena tra i momenti salienti dello spettacolo che ripercorre oggi la sua carriera. “Eduardo era un uomo severissimo, per fortuna – commenta – Non so se avrebbe approvato quest’operazione di ‘traduzione’ delle sue commedie. Il dialetto ha una sua forza. Si poteva ‘italianizzarle’ pur lasciandole in napoletano. In tv il risultato è stato un gran successo. Vuol dire che hanno capito e apprezzato Eduardo anche al Nord. Però – aggiunge l’attrice – credo che il successo ci sarebbe stato anche lasciandole in napoletano, soprattutto con personaggi di grande levatura come la Melato e Ranieri”.
YVV-GAL/ S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi