EDITORIA: PENNACCHI, PREMIER FREGO’ MONDADORI A DE BENEDETTI

EDITORIA: PENNACCHI, PREMIER FREGO’ MONDADORI A DE BENEDETTI
SCRITTORE A UN GIORNO DA PECORA DICE ANCHE NESI VINCERA’ STREGA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 27 APR – “La Mondadori? E’ di De Benedetti, ma è Berlusconi che gliela ha fregata. Prima o poi gliela dovrà  ridare no?”. Lo ha detto il Premio Strega 2010 Antonio Pennacchi, oggi ospite del programma di Radio2 ‘Un Giorno da Pecora’. Lo scrittore ha fatto anche pronostici sulla prossima edizione del Premio Strega? “Nesi vince, non c’é paragone con Desiati” ha detto Pennacchi e poi ha aggiunto: “Moccia? Facciamo un mestiere diverso”. L’autore di ‘Canale Mussolini’, pubblicato da Mondadori, ha poi sottolineato, a proposito della casa editrice: “la proprietà , con i libri, non c’entra niente. Diciamo che sul piano personale mi sta più simpatico De Benedetti rispetto a Berlusconi”. Facendo poi una panoramica sugli scrittori ha spiegato: “Busi ha scritto grandi cose”. Baricco “é uno che scrive molto bene, ma fa dei libri che non sono autentici. Scrive di testa e non di pancia, non c’é il suo dolore nei libri. Il giorno che scriverà  del suo dolore sarà  un grande autore”. E chi, invece, scrive di pancia? “Edoardo Nesi” dice parlando del candidato in pole position per la vittoria del Premio Strega 2011, insieme a Mario Desiati. “Tra i due non c’é proprio paragone, vincerà  Nesi perché racconta storie vere, il dolore vero, il lavoro, la fabbrica”. C’é qualche scrittore di cui invidia le capacità ? “Sono invidioso quando leggo Dante o le poesie di Giorgio Caproni” racconta Pennacchi. E un autore che invece ritiene sia sopravvalutato? “Secondo me é Borges: leggete i racconti di Dino Buzzati, lui è molto meglio dell’argentino”. Infine, di Federico Moccia, dice: “Ci vuole rispetto per chiunque lavori, anche per Moccia, visto che la gente lo legge. Poi, certo, facciamo un mestiere diverso…”. (ANSA).
CA/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Liberare le frequenze sopra i 700 Mhz entro il 2020 dai segnali tv. Le mosse dell’Unione Europea per apire il mercato al 5G