Editoria

28 aprile 2011 | 14:25

RCS: PERRICONE, PRIMI MESI TIEPIDI, 2011 NON SARA’ ANNO DELLA SVOLTA

RCS: PERRICONE, PRIMI MESI TIEPIDI, 2011 NON SARA’ ANNO DELLA SVOLTA
(ASCA) – Milano, 28 apr – Nei primi mesi del 2011 ”abbiamo avuto un andamento qualitativamente tiepido” e soprattutto alla luce di tutto cio’ ”non possiamo considerare il 2011 come l’anno della svolta definitiva rispetto all’andamento critico del biennio 2009-2010”. La precisazione arriva da Antonello Perricone, ad di Rcs, che pero’ si e’ detto soddisfatto ”per i dati sulla diffusione, in particolare quelli del Corriere della Sera”. Le linee guida della gestione restano dunque quelle sancite dal piano industriale al 2013: ”Alta attenzione sull’efficienza, consolidare l’alta qualita’ dei nostri prodotti editoriali e monitorare l’andamento della posizione finanziaria”. Particolarmente critica la situazione di City, quotidiano gratuito del gruppo: ”Nei primi mesi del 2011 – ha detto Perricone a questo proposito – abbiamo avuto un andamento molto preoccupante in termini di raccolta pubblicitaria” e tutto cio’ ”induce a forte preoccupazione”. Sulle ricette da adottare per rilanciare la free press, Perricone ha preferito non sbilanciarsi. ”Non credo – ha pero’ precisato il manager – che la chiusura di qualche edizione sia la soluzione del problema”. Infine, una puntualizzazione sul prezzo al pubblico della Gazzetta dello Sport: ”resta a un euro”. Per tutto quest’anno’?, gli e’ stato chiesto. ”Per il momento”, si e’ limitato a replicare Perricone.
fcz/did/