A FUOCO SERVER ARUBA, AZIENDE SU INTERNET IN TILT

A FUOCO SERVER ARUBA, AZIENDE SU INTERNET IN TILT
AREZZO
(ANSA) – AREZZO, 29 APR – Un principio d’incendio in una stanza dove sono stati montati i gruppi di continuità  ha danneggiato, la notte scorsa, una ‘server farm’ di ‘Aruba.it’, azienda che ha sede in via delle Biole ad Arezzo. Le fiamme hanno coinvolto la zona delle “ups” ovvero le periferiche, senza intaccare la sala dati, creando disagi ai server internet di aziende che fanno capo ad ‘Aruba.it’. Disagi si stanno verificando soprattutto con l’ uso della posta certificata di molte aziende. Secondo i vigili del fuoco, che sono stati impegnati per circa tre ore, il principio del rogo sarebbe stato causato da un surriscaldamento. I tecnici di ‘Aruba.it’ stanno lavorando per ripristinare la situazione. Non sono stati definiti i tempi in cui la funzionalità  tornerà  alla normalità . (ANSA).
YWS-MOI/SPO S0B QBXB

A FUOCO SERVER ARUBA, AZIENDE SU INTERNET IN TILT (2)
AREZZO
(ANSA) – AREZZO, 29 APR – Il principio d’incendio ha causato un black out di migliaia di siti web in Italia. “Causa principio di incendio nella server farm principale – ha scritto Aruba in un messaggio su un profilo Twitter attivato per tenere aggiornati gli utenti – si è attivato l’energit power off togliendo energia alla struttura”. Aruba ha spiegato che “le macchine server” che contengono i dati siti web dei clienti “non hanno subito alcun danno e che è in corso il ripristino della prima sala dati”. (ANSA).
MOI-YUM/ S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Liberare le frequenze sopra i 700 Mhz entro il 2020 dai segnali tv. Le mosse dell’Unione Europea per apire il mercato al 5G