Wikileaks/ Trasferito in Kansas, Manning non è più in isolamento

Wikileaks/ Trasferito in Kansas, Manning non è più in isolamento

Il militare è sospettato di aver passato al sito documenti Usa

Roma, 29 apr. (TMNews) – Bradley Manning, il soldato Usa sospettato di aver fornito a Wikileaks documenti segreti americani, non è più in isolamento. La scorsa settimana, il militare è stato infatti trasferito nel carcere di Fort Leavenworh, in Kansas, dopo mesi di detenzione nella prigione militare di Quantico, in Virginia, dove era tenuto in una cella d`isolamento 23 ore su 24. A Quantico il militare era anche sottoposto al regime di “prevenzione da lesioni”, quindi veniva sorvegliato a vista ogni cinque minuti, costretto a dormire su un letto di metallo e a spogliarsi completamente ogni sera, nonostante gli psichiatri dell`esercito avessero giudicato tali misure non necessarie. Le condizioni della sua detenzione avevano sollevato aspre critiche e condanne. Il Pentagono ha quindi permesso ai giornalisti di visitare il carcere del Kansas, dove Manning attenderà  il processo davanti alla Corte marziale. Secondo quanto riferisce oggi il Daily Mail, nel nuovo carcere Manning ha nella sua cella un letto di metallo, un tavolo, un lavandino e uno sgabello; può fare esercizi e interagire con circa altri 10 detenuti in una zona comune; può ricevere la posta, andare in biblioteca e ricevere visite sotto il controllo dei secondini.

Sim

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti