Mondadori: conquista nuovi spazi sul fronte transalpino (Mi.Fi.)

02 May 2011 09:24 CEDT Mondadori: conquista nuovi spazi sul fronte transalpino (Mi.Fi.)

MILANO (MF-DJ)–Il politico Silvio Berlusconi non sembra essere uscito in modo brillante dal vertice Italia-Francia di martedi’ 26 aprile. Almeno, scrive Milano Finanza, cosi’ hanno riferito le cronache giornalistiche all’indomani del summit bilaterale che ha di fatto sancito il mantenimento in vita degli accordi per lo sviluppo del nucleare italiano, la linea soft del governo italiano sull’affare Parmalat e l’ok alla linea francese sulla questione libica e su quella dell’immigrazione in cambio del sostegno di Nicolas Sarkozy alla candidatura di Mario Draghi alla presidenza della Bce. Ma se dal fronte politico si allarga l’orizzonte a quello industriale, il risultato cambia. E si ribalta a favore dell’imprenditore Berlusconi. Basta infatti analizzare conti e strategie delle sue aziende. Una di queste, la Mondadori (controllata al 53% dalla holding Fininvest) e’ presente in Francia dal giugno 2006, da quando acquisto’ per 545 milioni la Emap France senza trovare alcun ostacolo dalle istituzioni politiche. Ma se dal fronte politico si allarga l’orizzonte a quello industriale, il risultato cambia. E si ribalta a favore dell’imprenditore Berlusconi. Basta infatti analizzare conti e strategie delle sue aziende. Una di queste, la Mondadori (controllata al 53% dalla holding Fininvest) e’ presente in Francia dal giugno 2006, da quando acquisto’ per 545 mln la Emap France senza trovare alcun ostacolo dalle istituzioni politiche. red/lab

(END) Dow Jones Newswires

May 02, 2011 03:24 ET (07:24 GMT)

Copyright (c) 2011 MF-Dow Jones News Srl.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari