Tv/ Non convince l’esperimento del game-show Uman Take Control

Tv/ Non convince l’esperimento del game-show Uman Take Control

Roma, 3 mag. (TMNews) – Non ha convinto il nuovo game show di Italia 1. L’esperimento “Uman Take Control”, preannunciato come la nuova frontiera dei reality in cui il pubblico deve interagire da casa. La prima puntata andata in onda ieri sera, nonostante qualche scena hot e il bacio lesbo tra le due concorrenti Veronica Ciardi e Nora Amile ha fatto oltre 1,8 milioni di telespettatori e l’11.30% di share sul target commerciale, ma contro gli oltre 6 milioni del primo episodio di “Un passo dal cielo” su Raiuno con Terence Hill e gli oltre 3 del programma musicale “Due” su Raidue.

La trasmissione condotta da Rossella Brescia e Mago Forrest è stata presentata come un “esperimento” con vecchi concorrenti di reality show come il “Grande Fratello”, “La Talpa”, “L’Isola” e “La Pupa e il Secchione”. Il pubblico sul web ha votato per scegliere i partecipanti tra i 12 candidati: hanno vinto Maicol Berti, Sergio Volpini, George Leonard, Siria De Fazio e Veronica Ciardi (tutti ex-gieffini), Elena Morali e Nora Amile (ex-Pupe) e il Secchione Luca Tassinari. Tutti e otto sono stati spogliati della loro precedente identità  e vestiti con una tutina colorata che li identificherà  per il resto del programma.

Tra prove ispirate a famosi videogiochi per guadagnare più “punti-vita” e restare in gara, alla fine Nora è stata eliminata dal televoto e al suo posto entrerà  una tra Veridiana Mallmann e Bambola Ramona, escluse a inizio puntata con Rocco Piterantonio e Antonio Zequila, in attesa di una futura chance per entrare in gioco. “Uman” non si ferma mai come un vero reality e i concorrenti vivono in un “laboratorio” e devono guadagnarsi tutte le comodità : dalle ciabattine per fare la doccia al deodorante, è solo il pubblico ad avere l’ultima parola.

Lua

031430 mag 11

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi