Editoria

05 maggio 2011 | 13:30

ITALIA 150: MALINCONICO, LA CARTA UNISCE GLI ITALIANI

ITALIA 150: MALINCONICO, LA CARTA UNISCE GLI ITALIANI
LA STORIA DEL RISORGIMENTO E’ ANCHE QUELLA DEL GIORNALISMO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 5 MAG – “La carta ha unito gli italiani e ancora oggi li unisce”: è un passaggio dell’intervento di Carlo Malinconico, presidente della Federazione italiana editori giornali, che ha partecipato oggi, a Roma, all’inaugurazione del Palacomieco, la struttura itinerante ideata dal Consorzio per il recupero e il riciclaggio della carta (Comieco), che quest’anno celebra i 150 anni dell’unità  d’Italia. In tre grandi igloo collocati sulla terrazza del Pincio viene raccontata, anche attraverso le pagine dei giornali di allora, il ruolo giocato dalla carta – e, soprattutto, da quella stampata – nel processo di unificazione del Paese. “Come in passato la carta è stato il prezioso strumento attraverso il quale è stata costruita la coscienza degli italiani come nazione – ha spiegato Malinconico – così oggi, nell’era digitale, mantiene il primato come luogo di formazione dell’opinione pubblica: lo testimoniano 24 milioni di persone che ogni giorno leggono un quotidiano e oltre 32 milioni che leggono un periodico settimanale o mensile”. “La storia del Risorgimento – ha sottolineato ancora il presidente della Fieg – è anche la storia del giornalismo italiano, con un incredibile proliferazione di fogli e gazzette, veicoli efficaci di modernità  e di insofferenza verso regimi dispotici e autoritari. Dal Conciliatore, diretto da quel Silvio Pellico la cui opera costrinse Metternich ad ammettere che danneggiò l’Austria più di una battaglia perduta, all’Antologia di Gian Pietro Viesseux; dagli Annali Universali di Statistica di Gian Domenico Romagnosi alla Giovane Italia di Mazzini; dall’Indicatore Livornese di Rattazzi al Politecnico di Carlo Cattaneo; dal Risorgimento di Cavour e Cesare Balbo al Diario del Popolo diretto da Goffredo Mameli”. Roma è la sesta e ultima tappa di un viaggio che ha ripercorso l’epopea dei Mille: da Genova a Marsala, da Messina a Reggio Calabria, da Salerno alla capitale. All’interno della struttura sono esposte le pagine di giornali ancora oggi in vita come La Gazzetta di Mantova, La Gazzetta di Parma e La Gazzetta Piemontese (poi diventata La Stampa di Torino) che riportarono il discorso che, il 27 novembre del 1871, il Re Vittorio Emanuele II pronunciò in Parlamento con la celebre frase: “L’Italia è restituita a se stessa e a Roma”. (ANSA).
COM-MAJ/ S0A QBXB