MEDIASET: COLOMBO; MAGGIO PUBBLICITA’ IN CALO, GIUGNO MEGLIO

MEDIASET: COLOMBO; MAGGIO PUBBLICITA’ IN CALO, GIUGNO MEGLIO
MILANO
(ANSA) – MILANO, 10 MAG – In maggio la raccolta pubblicitaria per il gruppo Mediaset potrebbe essere “negativa” rispetto allo stesso mese del 2010, mentre in giugno “si potrà  migliorare il trend” anche perché sarà  un mese da confrontare con il giugno 2010, quando Rai e Sky avevano in palinsesto i mondiali di calcio, che assicurano altissimi ascolti. “Oggi non possiamo quantificare il risultato negativo di maggio, anche perché stiamo ancora lavorando su questo mese”, spiega Luigi Colombo, managing director di Publitalia, la concessionaria controllata da Mediaset, durante la ‘conference call’ con gli analisti finanziari sui dati del primo trimestre del gruppo televisivo. In ogni caso la raccolta pubblicitaria del secondo trimestre dovrebbe essere positiva, con aprile che é cresciuto di circa il 2,5%, maggio probabilmente negativo e giugno previsto in ripresa. Nei primi tre mesi 2010 le reti Mediaset in Italia hanno confermato la leadership nazionale in prime time (40,0%) e nelle 24 ore (39,6%) tra i telespettatori tra i 15 e i 64 anni. Canale 5 è la rete italiana più vista nel target commerciale sia in prima serata (19,9%) sia nelle 24 ore (19,3%), sottolinea Mediaset. In Spagna i ricavi netti consolidati del primo trimestre del gruppo Mediaset hanno raggiunto i 266 milioni di euro, in crescita rispetto ai 212 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente, mentre i ricavi pubblicitari hanno raggiunto i 258 milioni di euro, in forte aumento rispetto ai 194 milioni del primo trimestre 2010. (ANSA).
NI/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi