ESPULSI DA TRIBUNALE MILANO GIORNALISTA E OPERATORE RAI

ESPULSI DA TRIBUNALE MILANO GIORNALISTA E OPERATORE RAI
ORDINE LOMBARDIA, DECISIONE INAMMISSIBILE E INCONCEPIBILE
MILANO
(ANSA) – MILANO, 11 MAG – “Un comportamento inammissibile e incomprensibile perché contraddice decisioni assunte in precedenza dallo stesso Tribunale”. Così Letizia Gonzales, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia commenta l’espulsione dal palazzo di Giustizia di Milano di un giornalista e di un video operatore della Rai. “Operatore e giornalista – aggiunge Gonzales – sono stati fatti entrare in base a una disposizione presa dal Presidente facente funzione della Corte d’Appello di Milano, Giuseppe Tarantola, che ha stabilito che fotografi e operatori televisivi possano avere accesso al Tribunale di Milano fino alla prossima riunione della Commissione di manutenzione del Palazzo di Giustizia, in programma nella giornata di oggi, per discutere del rinnovo dei permessi di ingresso. In seguito, però, sono stati espulsi con un intervento dei Carabinieri”. “Non più tardi di due giorni fa – ricorda Gonzales – in occasione della cerimonia per il Giorno della Memoria per le vittime del terrorismo, a cui erano presenti anche il Sindaco di Milano e i presidenti della Provincia e della Regione sono stati fatti entrare in Tribunale numerosi fotografi e videoperatori. Non si vede, quindi, quale sia la motivazione di questo intervento della forza pubblica, che senza alcuna giustificazione legata a motivi di ordine pubblico, non fa che ostacolare il lavoro di chi è al servizio del diritto di informazione”. (ANSA).
FL/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi