Televisione

11 maggio 2011 | 16:00

RAI: CORSARO “DI BERLUSCONI SI PARLA MALE O SI VIOLA PAR CONDICIO…”

RAI: CORSARO “DI BERLUSCONI SI PARLA MALE O SI VIOLA PAR CONDICIO…”

ROMA (ITALPRESS) – “I dati sono chiari, a dar fastidio non e’ il fatto che Berlusconi sia presente nell’informazione radiotelevisiva, quanto il fatto che bisognerebbe parlarne sempre e solo male; quando si tratta di dare spazio in tv a chi si impegna a denigrare con violenza e quotidianamente la figura del presidente del Consiglio, problemi sembra non ci siano”. Cosi’ il vicepresidente vicario del Pdl alla Camera, Massimo Corsaro, nel merito del richiamo di Agcom culminato nella sanzione comminata ieri al Tg1 di Augusto Minzolini. “Appaiono lampanti due circostanze di tutta evidenza. La prima – prosegue Corsaro – e’ che l’Autorita’ per le Garanzie delle Comunicazioni ritiene i canali ed i programmi schiettamente antiberlusconiani degni di tutto lo spazio e la risonanza mediatica necessari, la seconda riguarda il curioso dato che mette a confronto la linea editoriale ‘incriminata’ del Tg1 con quella del ‘democratico’ Tg3: l’informazione storicamente di sinistra dedica a Silvio Berlusconi lo stesso spazio, se non di piu’, dei telegiornali o dei canali considerati, dagli intellettuali dell’opposizione, ‘filogovernativi’. Evidentemente, in quel caso, la presenza di Berlusconi come oggetto di scherno non provoca dubbi – sottolinea l’esponente del Pdl -. In conclusione, tutta la mia solidarieta’ al Direttore Minzolini che si trova, ancora una volta, a dover fare i conti in prima persona con chi i conti, quelli veri, non sa fare”.
(ITALPRESS).
sat/com 11-Mag-11 16:54