TLC: PASSO AVANTI VERSO INTERNET VELOCE PER TUTTI

TLC: PASSO AVANTI VERSO INTERNET VELOCE PER TUTTI
DA PARLAMENTO UE PRIMO SI’ A NUOVA DIRETTIVA
BRUXELLES
(ANSA) – BRUXELLES, 11 MAG – Passo avanti del Parlamento europeo per facilitare l’accesso a Internet veloce a tutti i cittadini europei. Gli eurodeputati hanno approvato a Strasburgo in prima lettura la relazione Hà¶kmark dando così luce verde alla proposta di direttiva della Commissione Ue. Il provvedimento mira a fornire nell’Unione Europea la banda 800 MHz entro il 2013 e la diffusione di Internet senza fili anche a chi abita in zone remote. Un emendamento approvato consentirà  ai governi nazionali di rimandare il raggiungimento di tali obiettivi al 2015 in caso di problemi di coordinamento con le frequenze di Paesi terzi. La banda 800 MHz fa parte del dividendo digitale, cioè quelle radiofrequenze disponibili tramite un uso più efficiente dello spettro radio liberato con l’arrivo della televisione digitale terrestre. Il Parlamento chiede che siano messe a disposizione entro il 2015 bande di 1.5GHz e 2.3GHz e uno spettro radio per il traffico internet su telefonia mobile di almeno 1200MHz. Tutto ciò permetterà  l’utilizzo di servizi di più alta qualità . Sul progetto di direttiva manca però ancora l’accordo tra Parlamento e Consiglio Ue: se ne discuterà  il 27 maggio. “Confido in una discussione veloce e costruttiva tra Parlamento e Consiglio dei Ministri per una adozione definitiva della proposta entro il 2011”, ha dichiarato Neelie Kroes, commissario responsabile per l’Agenda Digitale europea.(ANSA)
RED-TI/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci