Tv/ Nomination Teleratti 2011: in pole Barbara d’Urso e “Uman”

Tv/ Nomination Teleratti 2011: in pole Barbara d’Urso e “Uman”
Da giovedì è possibile votare online il peggio di un anno di tv

Roma, 17 mag. (TMNews) – Al via la quinta edizione dei “Teleratti”, il premio che elegge il peggio della televisione italiana, organizzato dal sito Davide Maggio. Dalle 14 di domani e fino alle 23.59 di lunedi 23 maggio ci si potrà  collegare online e votare. I vincitori verranno resi noti il 24 maggio unitamente al “peggior programma dell’annno” (eletto dai lettori sulla base di votazioni libere) e al TeleRatto della Critica (eletto da una giuria di qualità  composta da critici e giornalisti tv). Queste le nomination: come peggior personaggio Barbara d’Urso, Fabrizio Corona ed Emilio Fede; come peggior programma di informazione e cultura “Articolo 3”, Tg1 e “Domenica Cinque” e come peggior programma di intrattenimento “Ciak si canta”, “Stasera che sera” e “Uman Take Control”. Nella categoria flop dell’anno, i candidati sono “Centocinquanta”, “Stasera che Sera” e “Uman Take Control” e come peggior coppia tv in lizza ci sono Bruno Vespa – Pippo Baudo, Francesco Facchinetti – Belen Rodriguez e Pupo – Emanuele Filiberto.Inoltre, come peggior fenomeno (da baraccone) di un reality/talent show concorrono Eleonora Brigliadori (Isola dei Famosi 8), Nando Colelli (GF 11) e Guendalina Tavassi (GF 11) e come peggior fiction la lotta è in casa Canale 5 tra “Il Peccato e la Vergogna”, “Le due facce dell’amore” e “Non smettere di sognare”. Il regolamento completo e la lista di tutte le nominations è su www.davidemaggio.it.

Lua

171639 mag 11

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi