CINEMA: BARBAGALLO (ANICA), BENE FILM NAZIONALI MA TROPPI ESITI MODESTI

CINEMA: BARBAGALLO (ANICA), BENE FILM NAZIONALI MA TROPPI ESITI MODESTI
(ASCA) – Roma, 19 mag – ”Il risultato complessivamente positivo della produzione nazionale di questa prima parte dell’anno e’ stato determinato da un numero esiguo di film, tutti dello stesso genere e molto simili fra loro. Se e’ giusto rallegrarci per questi grandi successi, bisogna tuttavia preoccuparsi per l’esito molto modesto, e in alcuni casi decisamente negativo, di tanti altri film”. Lo dice al Giornale dello Spettacolo Angelo Barbagallo, neo presidente dei produttori Anica, che subentra nel ruolo a Riccardo Tozzi, eletto presidente dell’associazione. Tra le cause, secondo Barbagallo, la progressiva scomparsa dei cinema tradizionali e il mancato ricambio di spettatori nel segmento del cinema d’autore. ”Sembrerebbe – spiega – come se oggi il pubblico fosse sempre piu’ diviso in due fasce contrapposte: da una parte gli spettatori adulti che amano un cinema che fa riflettere e frequentano le sale tradizionali, dall’altro i giovanissimi che intendono il cinema come puro e semplice divertimento e che si recano esclusivamente nei multiplex. Dovremmo invece cercare di rimescolare questi due segmenti”. Come? ”Ci sarebbe bisogno – dice Barbagallo – da un lato di sale di citta’ piu’ competitive e attraenti, dall’altro di una maggiore attenzione alla programmazione di qualita’ anche nei multiplex”, e poi bisogna porsi il problema del pubblico che difficilmente si muove da casa o non ha una sala a disposizione breve distanza. Inoltre, secondo il presidente dei produttori, malgrado i film italiani siano visti complessivamente da un numero piu’ consistente di spettatori rispetto al passato, l’industria nazionale e’ comunque piu’ debole. ”Tutto dipende dal fatto che – afferma – mentre ieri i film si sfruttavano esclusivamente in sala e tutti pagavano, oggi, sala a parte, lo sfruttamento dei film non viene pagato affatto o comunque viene sottopagato. Il cinema e’ venduto alle televisioni a prezzi troppo bassi e viene massacrato dalla pirateria e da altre forme di sfruttamento che non versano il dovuto agli aventi diritto”. Da qui la necessita’ di un prelievo sull’intera filiera che utilizza il cinema, dalla sala a Internet, passando per la tv e l’home video: ”mi sembrerebbe del tutto logico; del resto – conclude Barbagallo – e’ cio’ che accade in Francia, dove si produce ogni anno il doppio dei film e le risorse a disposizione sono cinque volte superiori”.
cm/sam/rob

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo