EDITORIA: CALABRESI, HO PROGETTI A ‘LA STAMPA’ PER 5 ANNI

EDITORIA: CALABRESI, HO PROGETTI A ‘LA STAMPA’ PER 5 ANNI
IO AL ‘CORSERA’? CHIACCHIERE; ELKANN HA SUBITO PARLATO CHIARO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 23 MAG – Si dice che stia studiando da direttore del ‘Corriere della Sera’. “Chiacchiere. Con John Elkann stiamo pensando ai prossimi cinque anni”, risponde Mario Calabresi, da due anni direttore de ‘La Stampa’, che spiega come ha ristrutturato il quotidiano per eliminare 24 milioni di perdite e racconta i progetti in cantiere in un’intervista a ‘Prima Comunicazione’, in edicola a Milano da domani e a Roma e nel resto d’Italia da mercoledì 25. “Quando John Elkann mi ha offerto la direzione della ‘Stampa’, ha parlato chiaro – racconta Calabresi -. Mi ha detto che per lui l’editoria non è un’attività  filantropica. Sapevo che era necessaria una ristrutturazione e mi sono impegnato fin dall’inizio su come e dove tagliare. Alla ‘Stampa’ era necessario che tutti condividessero quello che si stava facendo, perché in ballo c’era la possibilità  di continuare a fare del buon giornalismo e di farlo in piena libertà . E ci compravamo anche la garanzia di stare in questo gruppo, perché sul mercato ci sono acquirenti interessati a un giornale che pesa nell’opinione pubblica come ‘La Stampa’”. Ora che il 2010 si è chiuso con 300mila euro di utili, alla ‘Stampa’ è partito un piano d’investimenti. “Un impegno economico notevole che l’editore ha deciso di fare, indispensabile per arrivare a una buona integrazione tra prodotti editoriali diversi – sottolinea il direttore – Abbiamo scelto la piattaforma multicanale Méthode, che utilizzeremo per l’intero processo produttivo redazionale. Crediamo così tanto all’integrazione che abbiamo deciso perfino di lasciare via Marenco e cambiare sede”. Sulla rampa di lancio della ‘Stampa’ adesso c’é il sito Vatican Insider. “Un nuovo canale in italiano, inglese e spagnolo, per un target internazionale che va dalla Corea del Sud agli Stati Uniti – anticipa Calabresi – Informazione con un taglio rigorosamente laico ma firmata da grandi specialisti della Chiesa e del Vaticano. E un modello di business nuovo: il sito sarà  a pagamento e garantirà  agli abbonati in esclusiva tutte le notizie per 24 ore, dopo di che quell’informazione diventerà  gratuita per tutti”. (ANSA).
CAS/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari