VATICANO: SEMPRE PIU’ INTERNET PER COMUNICARE CON I GIOVANI

VATICANO: SEMPRE PIU’ INTERNET PER COMUNICARE CON I GIOVANI
CHIESA CATTOLICA ABBRACCIA FACEBOOK, YOUTUBE E TWITTER
ROMA
(ANSA) – ROMA, 24 MAG – L’emergere dei social media spinge la Chiesa cattolica a cambiare il suo modo di comunicare, in particolare con i giovani. Monsignor Paul Tighe, segretario del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni sociali, ha detto oggi, parlando alla stampa estera in Italia, che la nuova civiltà  della comunicazione non riguarda solo un mutamento tecnologico ma implica, anche per la Chiesa, una maggiore domanda di interattività . Mentre la Chiesa ha usato per anni la tv, la radio e i giornali, oggi i nuovi media creano una “realtà  mutata”. “Questo è facilitato dalle nuove tecnologie – ha osservato mons. Tighe – ma quella che è interessante è la nuova cultura”. Il rappresentante vaticano ha sottolineato che gli utenti dei nuovi media sono interessati a “stabilire relazionì” e che la Chiesa ora ha la possibilità  di raggiungere persone che prima non poteva raggiungere. “Dobbiamo ripensare il nostro modo di fare comunicazione”, ha rilevato. “Ora siamo molto di più in presenza di una comunicazione dinamica”. Tighe ha spiegato che la Chiesa cattolica usa sempre di più YouTube, Facebook, Twitter e anche le dirette in streaming per particolare eventi, con notevole successo. In particolare queste ultime permettono alla Chiesa di raggiungere i cattolici in Paesi dove può esserci un accesso limitato ai media o dove essi sono una minoranza. Il segretario del dicastero vaticano delle comunicazioni ha anche ricordato come la Chiesa abbia usato il sito web www.pope2you.net come una piattaforma per comunicare con i giovani, in particolare durante la recente beatificazione di Giovanni Paolo II. (ANSA).
KZU/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci