Olbia, arrestato pirata informatico che ‘craccava’ banca dati Pra

Olbia, arrestato pirata informatico che ‘craccava’ banca dati Pra
Hacker diffondeva software per visure illimitate banca dati

Roma, 25 mag. (TMNews) – E’ stato arrestato ad Olbia dagli investigatori del Cnaipic, il centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche del servizio polizia postale e delle comunicazioni il pirata informatico che offriva a pagamento accessi illeciti alla banca dati del Pra, il pubblico registro automobilistico.La Polizia ha così scongiurato una attività  criminale che partiva dal furto di identità  digitale fino alla commercializzazione su ampia scala di informazioni sottratte da banche dati. L’hacker, dopo una campagna pubblicitaria effettuata attraverso spam, diffondeva sulla rete internet il software UrbanPra, che permetteva di fare visure illimitate alla banca dati del Pra su intestatari e targhe di autovetture, a fronte di un corrispettivo una tantum di 49 euro. Le indagini sono partite su segnalazione dei vertici dell’Aci, azienda titolare dei sistemi informatici che ospitano la banca dati del Pra.

Red/Apa

250800 mag 11

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci