SANITA’: IN TV FORMAT MEDICO PER SANI, CON DIETA CORRETTA 2MLD RISPARMIO

SANITA’: IN TV FORMAT MEDICO PER SANI, CON DIETA CORRETTA 2MLD RISPARMIO
(ASCA) – Roma, 31 mag – Otto italiani su 10 promuovono il sistema sanitario nazionale, il 49% ne e’ soddisfatto (l’11% moltissimo, il 38% molto). I cittadini sottovalutano pero’ l’impatto dei singoli comportamenti sulla loro salute e sul sistema. La sola obesita’ ci costa 2 miliardi l’anno e con un investimento di appena 17Euro per abitante nella prevenzione si potrebbero evitare ogni anno 75.000 morti per malattie croniche. Eppure il 59% non utilizza mai le scale se ha a disposizione l’ascensore, il 35% usa l’auto anche per tragitti brevi (circa 1 km), l’11% non va mai in bicicletta, solo il 12% consuma le 5 porzioni raccomandate di frutta o verdura al giorno. Il cittadino desiderano avere sempre di piu’ informazioni qualificate, puntuali e serene sulla prevenzione e sugli stili di vita. I dati emergono da un sondaggio promosso sul sito www.ilritrattodellasalute.org, un progetto dedicato alla medicina dei sani, oggi la vera sfida per i Paesi occidentali: per promuoverla parte dal 13 giugno su Rete 4 alle 21.10 ”Benessere – il ritratto della salute”. Una produzione Endemol-Intermedia, e’ il primo programma settimanale di divulgazione con il bollino delle piu’ importanti Societa’ scientifiche, capofila la Societa’ Italiana di Medicina Generale (Simg). La prima serie sara’ in onda ogni lunedi’ fino al 18 luglio. L’obiettivo e’ spiegare come funziona ”dietro le quinte” la sanita’ del nostro Paese e insegnare a conoscere meglio, prevenire e curare dalle piu’ importanti malattie ai piccoli disturbi.
com-map/cam/ss

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi