Elezioni/ Usigrai:Informazione Rai carente,vertenza su referendum

Elezioni/ Usigrai:Informazione Rai carente,vertenza su referendum
Verna: Errore blu assenza di approfondimenti ieri da 20.45 a 23

Roma, 31 mag. (TMNews) – Il segretario nazionale Usigrai Carlo Verna critica come “errore da matita blu” l’assenza di approfondimento politico sulle televisioni pubbliche ieri sera dalle 20.45 alle 23, in seguito ai risultati dei ballottaggi, e promette una vertenza in vista dei prossimi referendum.”Meno di due settimane al voto referendario. Da oggi non c’è più nemmeno l’alibi della prevalenza della notizia politica ‘ballottaggi’. Informare compiutamente, programmare dibattiti fra il fronte del sì e quello del no è un dovere non più dilazionabile nei tg e in tutti i programmi giornalistici”, afferma il segretario Usigrai in una nota. “Apriamo un vera e propria vertenza referendum, perché l’attenzione che sappiamo dare ai temi proposti da soggetti sociali del Paese è la misura della legittimazione del nostro essere servizio pubblico.
Crediamo che il Direttore Generale debba porre il problema ai direttori di testata e porsi anche un altro tema su cui intervenire, che riguarda i palinsesti e le scelte editoriali aziendali complessive. Ieri dalle 20,45 fino ad oltre le 23, cioè in quella fascia temporale in cui molti cittadini rientrano a casa, non c’è stata alcuna informazione sulle reti generaliste della Rai riguardanti l’importante competizione elettorale appena conclusa (peraltro nelle fasce orarie in cui gli speciali sono stati fatti, gli ascolti li hanno premiati). Un errore – conclude Verna – da matita blu”.

Red/Ska

311528 mag 11

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi