TV: ORDINE, STOP A PUBBLICITA’ PER ABITI GIORNALISTI

(AGI) – Roma, 1 giu. – “Un deciso passo avanti per scongiurare la pericolosa commistione tra informazione e pubblicita’”. Questo e’ il positivo risultato della lettera inviata – spiega una nota a firma del Presidente Bruno Tucci dal Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio – alle principali emittenti televisive italiane (Rai, Mediaset, La7). Nella lettera il Consiglio dell’Ordine, citando la Carta dei doveri del Giornalista, invitava le emittenti televisive a porre fine a una prassi ormai diffusa: indicare nei titoli di coda dei programmi televisivi la marca degli abiti e degli accessori indossati dai giornalisti intervenuti in trasmissione. Una forma di pubblicita’ mascherata incompatibile, ha osservato l’Ordine dei Giornalisti del Lazio, con quanto sancito dalla Carta dei doveri. Rai, Mediaset e La 7 hanno risposto all’Ordine di Roma assumendo ufficialmente l’impegno a eliminare dai titoli di coda di tutte le trasmissioni in palinsesto l’indicazione delle marche di abiti e accessori dei giornalisti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi