REFERENDUM: RAI; ZAVOLI A LEI, AUMENTARE SPAZI INFORMATIVI

REFERENDUM: RAI; ZAVOLI A LEI, AUMENTARE SPAZI INFORMATIVI
PRESIDENTE VIGILANZA SOLLECITA EQUA RIPARTIZIONE TRA SI’ E NO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 1 GIU – “Un aumento degli spazi dedicati alla divulgazione dei referendum del 12 e 13 giugno, ai diversi quesiti e alle indicazioni di voto sulle rispettive materie” è stato sollecitato dal presidente della commissione di Vigilanza Rai, Sergio Zavoli, al direttore generale della Rai, Lorenza Lei. E’ quanto si legge in una nota della commissione, nella quale si spiega che, “facendo seguito ai precedenti interventi e sulla base degli argomenti raccolti in un incontro tenuto ieri con i Comitati promotori dei referendum, che hanno lamentato gravi limiti e ritardi nell’illustrazione delle consultazioni”, Zavoli “ha ulteriormente sostenuto l’esigenza di intensificare le tribune referendarie a ridosso della data delle votazioni e una maggiore informazione nei telegiornali, radiogiornali e programmi di approfondimento sui quesiti per le diverse materie”. “Ciò è suggerito – prosegue la nota – anche dalla sentenza odierna della Corte di Cassazione con la conferma del referendum sul nucleare che, dunque, avrà  luogo insieme con gli altri in materia di acqua e di legittimo impedimento”. Il presidente della Vigilanza ha sollecitato anche “un’equa ripartizione e visibilità  tra i favorevoli e i contrari ai singoli quesiti e un maggiore coinvolgimento, nei vari programmi, dei Comitati promotori, unici realmente legittimati a illustrare le motivazioni che hanno portato alla richiesta e all’organizzazione delle specifiche consultazioni tramite referendum”. (ANSA).
CAS/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi