RAI: ORFEO, VISSUTA DA DENTRO E’ UNA GRANDE AZIENDA

RAI: ORFEO, VISSUTA DA DENTRO E’ UNA GRANDE AZIENDA
SANTORO IL GIORNALISTA PIU’ CAPACE; VOTERO’ PER I REFERENDUM
ROMA
(ANSA) – ROMA, 6 GIU – “La percezione che se ne ha dall’esterno non è delle migliori, ma vissuta da dentro la Rai é una grande azienda, ricca di professionalità , giornalisti preparati e capaci”. Lo dice Mario Orfeo in una lunga intervista pubblicata sul numero di giugno del mensile free press Pocket. L’ex direttore del Tg2, attualmente alla guida del Messaggero, spiega perché ha lasciato Saxa Rubra. “E’ arrivata la chiamata dal Messaggero, un grande giornale, il quotidiano di Roma – spiega -. Era un’occasione professionale irrinunciabile. Non c’é stata nessuna pressione politica che mi ha spinto a lasciare il Tg2”. Orfeo dice la sua anche su politica e tv. “La sovraesposizione di Berlusconi è controproducente – sostiene -. Il politico più efficace sul piccolo schermo è Vendola. Santoro è il giornalista più capace, quello che fa più ascolti. Si può non condividere il contenuto delle sue trasmissioni e anche la forma, ma è il più bravo. Non è un caso se negli anni ’90 Berlusconi lo ha voluto nelle sue televisioni. Il successo di Mentana non mi stupisce, ma e’ stato anche favorito dalla concorrenza”. Il direttore del Messaggero parla anche dei referendum. “Vado a votare per i referendum – rivela -, non dico come, ma vado”. Sulla situazione di Roma, Orfeo afferma che “la città  vive una situazione critica, non vedo grandi miglioramenti rispetto alla giunta precedente. Anzi, in alcuni casi osservo l’acuirsi dei problemi esistenti, non la loro risoluzione”. (ANSA).
CAS/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi