New media, TLC

07 giugno 2011 | 16:17

TURCHIA: INTERNET; ANONYMOUS, RITORSIONI CONTRO FILTRI

TURCHIA: INTERNET; ANONYMOUS, RITORSIONI CONTRO FILTRI
GRUPPO HACKER PRENDE DI MIRA PROVVEDIMENTI ANTI-PORNOGRAFIA
ANKARA
(ANSA) – ANKARA, 7 GIU – Anonymous, il gruppo internazionale di hacker, ha annunciato di aver preso di mira il governo turco e il suo sistema di filtraggio su internet annunciato per proteggere bambini e ragazzi da pericoli e pornografia a partire da agosto. Lo segnala il sito del quotidiano di opposizione Hurriyet riferendo che il gruppo ritiene che l’annunciato filtraggio sia una violazione del “diritto umano fondamentale” al “libero flusso di informazioni” e il sistema “renderà  possibile registrare l’attività  internet di ciascuno”. Anonymous quindi minaccia di “agire contro le istituzioni che attuano la censura”: “faremo rappresaglie”, viene annunciato senza fornire altre precisazioni. Il network telematico divenuto celebre per gli attacchi pro-Wikileaks annuncia inoltre che aiuterà  i propri sostenitori “ad aggirare la censura”. Nel suo messaggio, il gruppo ricorda che il governo “ha bloccato migliaia di siti internet e blog” e “contro giornalisti online” continuano quelli che vengono definiti “procedimenti giudiziari abusivi”. Nell’annunciare l’uso dei filtri dal 22 agosto per impedire l’accesso ad alcuni siti, l’autorità  governativa ha sottolineato che il loro uso sarà  su base volontaria da parte, ad esempio, di genitori che vogliano tutelare i figli. L’accesso a migliaia di siti Internet (le stime vanno da 5.000 a 37 mila) è comunque già  bloccato in Turchia principalmente a causa di contenuti sessuali ma anche politici. (ANSA).
CAL/ S0B QBXB