RAI: CONSIGLIERI OPPOSIZIONE, MAGGIORANZA IRRESPONSABILE

RAI: CONSIGLIERI OPPOSIZIONE, MAGGIORANZA IRRESPONSABILE
(V. ‘RAI: ASSENTI 5 CONSIGLIERI, SALTA CDA…’ DELLE 14.10)
ROMA
(ANSA) – ROMA, 9 GIU – “Aver impedito il voto sui palinsesti da consegnare alla Sipra per la presentazione agli investitori pubblicitari è stata una decisione irresponsabile”. Lo affermano in una nota consiglieri di opposizione Giorgio Van Straten, Nino Rizzo Nervo e Rodolfo De Laurentiis, aggiungendo che la scelta dei consiglieri di maggioranza “rischia di provocare irrimediabili danni economici all’azienda ed hanno fatto bene il presidente del collegio dei sindaci e il consigliere delegato dalla Corte dei Conti a stigmatizzare l’assenza di cinque consiglieri dopo che il consiglio di amministrazione era stato impegnato per ben tre sedute consecutive nell’esame dell’atto di gestione editoriale più importante che la legge e lo statuto sociale gli affidano”. “E’ ormai evidente – proseguono i consiglieri – che è in atto da parte della maggioranza un tentativo di smantellamento del servizio pubblico, di cui l’uscita dalla Rai di Michele Santoro è stato il primo campanello d’allarme, se non saranno annullate tutte le trasmissioni sgradite. Denunciamo all’opinione pubblica, alle autorità  di garanzia e ai dipendenti dell’azienda una situazione grave che riteniamo non abbia precedenti. La Rai attraversa una situazione difficilissima sul piano del conto economico e dell’offerta. E’ il tempo della serietà  e delle responsabilità  anche individuali e per questo non si può consentire a nessuno di porre le basi di un suo veloce dissolvimento”. (ANSA).
CAS/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi