Rai/Garimberti:Se Santoro ha progetto lo presenti, demagogia stop

Rai/Garimberti:Se Santoro ha progetto lo presenti, demagogia stop

Non accetto essere tirato per la giacca.Chi lavora va retribuito

Roma, 10 giu. (TMNews) – Basta demagogia se ha un progetto lo presenti. È lapidaria la risposta del presidente della Rai, Paolo Garimberti, di fronte alle dichiarazioni di Michele Santoro che ieri sera, dagli schermi di Annozero, ha detto di essere disposto a fare una trasmissione da un euro a puntata.”Io credo che il lavoro vada retribuito come è giusto – ha affermato – Santoro è una grande star e ha alti ascolti per cui non si deve parlare di un euro ma sulla base di quello che è il mercato, non scherziamo sul lavoro. Il resto è soltanto pura demagogia e come dicevano i Poeti Maledetti ‘Epater le bourgeois’ (scandalizzare la borghesia, ndr) e io non sono né bourgeois né ‘santoriano'”.”Santoro – ha aggiunto ancora Garimberti – dice che può fare una trasmissione in Rai, lui conosce le procedure e se vuole fare una trasmissione, presenta un progetto al direttore generale perché il presidente non c’entra nulla in questa fase, semmai in un secondo tempo. Lanciare a me questa sfida ed essere tirato per la giacchetta io non lo accetto”.

Pie/Ral

101246 giu 11
Rai/Garimberti:Se Santoro ha progetto lo presenti… -2-
No a giochini come lo scorso anno, queste sono cose serie
Roma, 10 giu. (TMNews) – Insistendo quindi sulla ‘provocazione’ di Santoro di essere disponibile a fare una trasmissione da un euro a puntata, Garimberti ha quindi aggiunto: “Non facciamo giochini come lo scorso anno, queste sono cose serie e vanno trattate seriamente”.

Pie/Ral

101247 giu 11

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi