RAI: VERNA, NO A DECRETO PER RIFORMARE SAREBBE UN GOLPE

POL:RAI
2011-06-11 15:39
RAI: VERNA, NO A DECRETO PER RIFORMARE SAREBBE UN GOLPE
V. ‘RAI: VERRO, CENTRODESTRA CHIEDE DI APRIRE…’ DELLE 8,35
ROMA
(ANSA) – ROMA, 11 GIU – “Giù le mani dalla Rai. Abbiamo letto le ipotesi che speriamo maliziose e infondate, ma un decreto per riformare il servizio pubblico radiotelevisivo da parte di un governo il cui presidente vive un gigantesco conflitto di interessi ci sembrerebbe una sorta di golpe”, dichiara il segretario dell’Usigrai Carlo Verna commentando le dichiarazioni del consigliere Rai Verro. “Quando noi parliamo di riforma di governance diciamo un’altra cosa: fuori i partiti dalla Rai e non manacce che mettono altri bavagli o favoriscono altri giochi lontani dall’interesse dei cittadini e da una politica industriale seria dell’azienda. Farebbero – è scritto nella nota di Verna – intanto bene a non tenere sotto pressione il managment della Rai, che lunedì deve inderogabilmente poter approvare i palinsesti, senza depauperare ulteriormente l’azienda, dopo il divorzio da Santoro, che si potrebbe peraltro ancora rinegoziare,non col lavoro di fatto gratuito come dice provocatoriamente lui, ma modificando l’intesa raggiunta”. “Dopo i referendum lanceremo una nostra prima pubblica iniziativa e poi non daremo tregua. Abbiamo letto l’intervista del consigliere Verro che è stato a cena da Berlusconi e che si fa portavoce della delusione del premier per i primi atti del Direttore generale Lorenza Lei. Quale pretesa hanno ? E più in generale c’é qualcosa che non sia stata ancora rapinata al servizio pubblico ?”, conclude.
MA/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi