New media, TLC

14 giugno 2011 | 10:37

Tlc/ Agcom: Italiani i più incollati a Facebook, primi nel mondo

Tlc/ Agcom: Italiani i più incollati a Facebook, primi nel mondo
Iscritti in 20 milioni, ci passano circa 9 ore e mezza

Roma, 14 giu. (TMNews) – Gli italiani sono tra i più avidi consumatori al mondo di social network. Il primato spetta a Facebook il social network più diffuso, che negli ultimi due anni si è affermato in modo straordinario, in linea con quanto accaduto a livello mondiale, ma con peculiarità  italiane. Non solo, infatti, ha visto quasi raddoppiare i propri utenti unici (da 11 a 20 milioni), ma è aumentato anche il tempo medio per utente, che, oggi, raggiunge un livello (quasi 9 ore e mezza) che non ha eguali al mondo tra gli altri siti. In definitiva, Facebook in due anni è diventato il secondo sito più visitato con una penetrazione pari al 78% degli utenti attivi dopo Google, ma primo per permanenza e attività  media. Questo il quadro tracciato nella relazione dell’Autorità  per le comunicazioni illustrata oggi dal presidente, Corrado Calabrò, al Parlamento. Dati da cui emerge che “l`Italia è la prima nazione al mondo, insieme al Brasile, per penetrazione dei social media (86% secondo i dati Nielsen), seguita poi dalla Spagna con il 79%”. Un fenomeno, quello dei social network che, come ha messo in evidenza il presidente, sta cambiando la società , il costume, le forme di democrazia, l`uso dei diritti”. “I social network si rivelano ineguagliabili per fare degli individui gruppo”, ha detto Calabrò. “Anche i comportamenti personali ne risultano fortemente influenzati: alla riservatezza è subentrata l`ostensione, e talora l`ostentazione, dell`intimità . La sfera privata è di dominio pubblico”, ha aggiunto.

Rbr

141115 giu 11
Tlc/ Agcom: Italiani i più incollati a Facebook, primi nel… -2-
Cresce fruizione video, YouTube quarto sito più visitato

Roma, 14 giu. (TMNews) – Altro fenomeno di interesse per l`Autorità , ed in profonda ascesa, è la crescente fruizione di video: YouTube, già  in ottava posizione a gennaio 2009, attualmente è il quarto sito più visitato e raggiunge il 62,5% di utenti attivi, rispetto al 47,9% di due anni fa.Al riguardo, uno studio internazionale di Iab (associazione degli operatori della comunicazione digitale interattiva) evidenzia come, sempre di più, televisione e internet siano collegati, sia nel senso che sono fruiti contemporaneamente, sia nel senso che i contenuti televisivi vengono fruiti on line. A questo riguardo si segnala che le categorie di siti che sono cresciute di più negli ultimi tre anni (nel periodo dicembre 2007 – dicembre 2010), in termini di penetrazione sul totale dei navigatori attivi, sono proprio i video/film (+19,5%), seguiti dalle member communities (+16,8%) e dai giochi on line (+15,9%).”Da tali dati – si legge nella Relazione – emerge con chiarezza l`evoluzione delle preferenze dei cittadini, che utilizzano sempre più internet per comunicare, per informarsi (anche attraverso nuove fonti, non necessariamente paragonabili a quelle tradizionali), per l`intrattenimento (anche quello audiovisivo) oltre che per comprare in maniera più consapevole”.

Rbr

141117 giu 11