TLC

14 giugno 2011 | 12:10

Tlc: Fini, sempre piu’ urgente una scelta univoca su Ngn

ROMA (MF-DJ)–”Diviene sempre piu’ urgente la definizione di un’univoca scelta di politica industriale sul tema dell’infrastrutturazione tecnologica del Paese, con una rete fissa a banda larga ed ultralarga che risponda, per estensione, alla domanda crescente di connettivita’ e di servizi che il mondo delle imprese, della pubblica amministrazione e i cittadini nel loro complesso richiedono”. Lo afferma il presidente della Camera, Gianfranco Fini, nel suo intervento alla Relazione annuale dell’Agcom a Montecitorio. Fini ha evidenziato il “contributo essenziale” dato dall’Autorita’, definendo “condivisibile l’approccio teorico piu’ volte enunciato dal presidente Calabro’ sul cosiddetto progetto di fiber nation, ossia su un disegno ed una strategia organica per la rete fissa di nuova generazione che eviti il rischio della moltiplicazione di iniziative locali in assenza di un preciso piano nazionale”. Secondo Fini “non servono costose duplicazioni di infrastrutture civili, mentre occorre ricercare un equo contemperamento tra il riconoscimento di un adeguato premio di rischio per il capitale impiegato da parte del soggetto che assumera’ gli oneri di investimento maggiori nella costruzione della rete di nuova generazione e la garanzia di regole ed assetti concorrenziali idonei ad assicurare il corretto equilibrio tra l’operatore proprietario dell’infrastruttura e gli altri operatori che su quella stessa struttura intendono fornire servizi agli utenti finali”. Per Fini queste “sono sfide di grande complessita’, dal cui esito dipenderanno in larga misura la tenuta economica del Paese, la sua capacita’ di competere a livello globale, la possibilita’ di dotare il sistema delle imprese e la pubblica amministrazione di quel tasso di modernita’ ed efficienza che consentira’ di assicurare ai cittadini servizi di qualita’”.